Psicotraumatologia EMDRBurnout, come riconoscerlo e affrontarlo - Elena Ferrari

Giugno 5, 2019by Elena Ferrari0

Riconoscere la sindrome da burnout non è sempre facile e, spesso, c’è la tendenza a ridurre il tutto ad un mero problema del singolo lavoratore ignorando il contesto lavorativo nel suo insieme. Per contro, non riconoscere il problema, da parte dell’azienda, è un errore molto pericoloso, perché può incidere pesantemente sull’economia dell’intera struttura. Non a caso, l’Organizzazione mondiale della Sanità lo ha di recente riconosciuto come malattia.

Rischio di burnout: cos’è?

Il termine burnout, in italiano “bruciato”, “esaurito”, identifica una condizione di esaurimento fisico ed emotivo che porta la persona ad avere un atteggiamento distaccato e apatico verso il lavoro e i rapporti interpersonali.

Ci sono delle categorie più a rischio: medici, infermieri, forze dell’ordine, insegnanti, ma può colpire anche altre categorie di lavoratori, quelli iperattivi e schiacciati da mille impegni tra lavoro e famiglia. Solitamente le donne, che sopportano oltre al carico di lavoro gli impegni con la famiglia e l’accudimento degli anziani, sono maggiormente predisposte al pericolo di esaurimento psico-fisico rispetto agli uomini.

Il burnout può essere causato da diversi fattori: un’eccessiva mole di lavoro, l’incertezza rispetto al ruolo che si ricopre in azienda, le pressioni da parte dei superiori, i conflitti con i colleghi, o un senso di inadeguatezza rispetto al ruolo ricoperto.

Riconoscere i sintomi è importante

La sintomatologia è complessa, ma si può ricondurre a tre grandi aree:

  • lavorativa: calo delle prestazioni, problemi disciplinari, alta conflittualità, frequenti malattie e conseguente assenteismo, infortuni
  • psicologica e comportamentale: ansia, angoscia, indecisione, insicurezza, isolamento, scarsa attenzione e concentrazione, cattivo umore, stati depressivi, attacchi di panico, autocommiserazione, sensazione di avere la testa vuota, aumento di consumo di alcol, tabacco e caffè
  • fisica: disturbi gastrointestinali, cardiocircolatori, respiratori, sessuali e dermatologici.

5 modi per guarire

La risoluzione del problema, a livello individuale, passa attraverso tecniche terapeutiche quali l’EMDR che aiutano a ridurre il livello di ansia e stress e a modificare il proprio comportamento. Nella vita di tutti i giorni, vi consiglio:

  • conducete uno stile di vita sano (sport, dieta, ecc.) che aumenta la capacità di fronteggiare qualsiasi tipo di esperienza stressante
  • praticate tecniche di rilassamento (meditazione, biofeedback) per ridurre il grado di attivazione
  • create nuove relazioni con i colleghi: il confronto aiuta a distendere l’atmosfera in azienda
  • imparate a gestire il tempo: la variabile più importante quando si considera la produttività è proprio il tempo, perciò saperlo gestire è la chiave per il successo. Per cercare di rendere la vostra vita professionale il meno stressante possibile il segreto è fare brevi pause durante la giornata. Questo aiuta a rimanere concentrati senza affaticarsi troppo.

Hai bisogno di un consiglio? Vuoi prendere un appuntamento? Contattami alla mail: elena.ferrari@mentallifting.com.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

https://www.mentallifting.com/wp-content/uploads/2019/03/LogoER.png

Seguimi su:

Seguimi su:

Contatti

I dati verranno trattati secondo quanto previsto dalla informativa sulla privacy

P.IVA  01455890192

Premi

2016 Premio HBM Holding per la formazione
2017 Paul Harris – Rotary Club Viadana Sabbioneta

©2019 Mentallifting® – Sviluppato con ❤ da Digital Partner